La Musica del Libano

La musica del Libano ha una lunga storia. Beirut, la capitale del Libano, è nota da tempo, soprattutto in un periodo immediatamente successivo alla seconda guerra mondiale, per la sua arte e intellettualismo. Diversi cantanti emerse in questo periodo, tra i più famosi Fairuz, Sabah, Wadih el Safi, Majida El Roumi, Nasri Shamseddine, e Marcel Khalife, un cantante folk attivista e suonatore di oud. Durante i quindici anni di guerra civile, la maggior parte delle star della musica libanese si trasferì al Cairo e Parigi, con una scena musicale di grandi dimensioni a Beirut solo ritorno dopo il 1992. Stelle moderne includono Najwa Karam, Diana Haddad, Nawal Al Zoghbi, Haifa Wehbe, Elissa, Ragheb Alama, Walid Toufic, Wael Kfoury, Fares Karam, Amal Hijazi, Nancy Ajram, Melhem Zein, Fadel Shaker, I 4 Gatti, El Assi Helani e Moniem che è ben noto per il suo straordinario talento nel suonare l’oud, violoncello, chitarra, qanoon, buzaq. Scrive anche testi, compone musica e canta in diverse lingue incluso l’inglese.

La scena musicale underground è altrettanto vibrante, guidato dal rock-pop duo Sapone Kills, ma l’espansione per includere un numero di gruppi da una vasta gamma di generi. Metropolitana arabo gruppi hip hop, come il Bek Rayess stanno crescendo in popolarità. Altre band Rock Rock e Alternative come Meen (banda) e Mashrou ‘Leila sono sempre più diffuse. La Fête de la Musique annuale, tenutasi a fine giugno, porta l’intero paese per concerti sotterranei organizzato e spontaneo. parola che deriva dallo spagnolo laud, che deriva dalla parola araba per lo strumento, al-ud (ovvero il ramo di un albero). Il liuto è a forma di mezza pera con un collo corto fretted. Ha un sei corsi di due stringhe e suonato con un plettro, di solito un rifilato aquila piuma. Questo strumento crea un suono profondo e morbido.